Sparkle news: gli approcci dei nostri partners all’agricoltura di precisione

Nell’ultima newsletter di Sparkle Project, viene proposto un confronto tra i differenti modi in cui i diversi partner agricoli adottano le varie tecnologie di agricoltura di precisione.

Quinta da Cholda (Portogallo) ha introdotto le tecnologie di AP con l’obiettivo di aumentare i volumi di produzione, riducendo parallelamente i tempi e i costi delle attività e l’impatto ambientale, in termini di emissioni di CO2 e ossido nitroso. Sistemi di guida autonoma, immagini raccolte tramite velivoli e droni, mappatura del terreno e piattaforme GIS, sono le principali tecnologie adottate per perseguire l’obiettivo dell’azienda. Vedi il post al seguente link.

Marchesi Mazzei S.p.a. (Italia) ha impiegato tecnologie di AP con il proposito di produrre vini tipici, profondamente legati alla storia del territorio. Per poter raggiungere questo obiettivo, sono state utilizzate le tecnologie seguenti: sistemi di onde elettromagnetiche, per la raccolta delle informazioni sulla conformazione del terreno, strumenti GIS, per l’elaborazione dei dati raccolti e sistemi di telemetria combinati con equipaggiamenti in grado di applicare materiale in funzione di una specifica pianta, per incrementarne la produttività. Vedi il post al seguente link.

Rezos Brands (Grecia) ha adottato le tecnologie di AP con l’obiettivo di aumentare la produzione di cibi con alti valori nutritivi ed al contempo perseguire una riduzione di costi legati all’utilizzo inefficiente dell’acqua, pesticidi o fertilizzanti. GPS, sensori ottici, sensori elettrochimici sono le principali tecnologie impiegate. Vedi il post al seguente link.

18 Giugno 2019